News

SALUTE MENTALE: gruppo di sostegno familiare

SALUTE MENTALE: gruppo di sostegno familiare

07-02-2017, Ferrara – Da martedì 7 febbraio, dalle 15 alle 17, si incontrerà per la prima volta un Gruppo di Sostegno per i Familiari di […]

Centro Studi e Ricerche in Terapia Psicosomatica

Il Dott. Massimo La Torre, da oggi, membro del Consiglio Direttivo: http://www.terapiapsicosomatica.it/i-membri-dellassociazione      

Cyberbullismo e disagio minorile

Cyberbullismo e disagio minorile

L’esempio del gioco “balena blu” Un gioco terribile che, dopo 50 giorni di prove sempre più perverse, porterebbe al suicidio i ragazzi dai 9 ai […]

Dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna

Dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna

Una brochure per informare –  “La psicologia: che cos’è, a chi serve, a chi rivolgersi”

FAMIGLIA : UN’ AVVENTURA DA CONDIVIDERE

FAMIGLIA : UN’ AVVENTURA DA CONDIVIDERE

Dalla terapia con le famiglie di un autore a me caro riporto le principali conclusioni del lavoro terapeutico. Dal momento che concordiamo sull’unicità di ciascuna […]

Il viaggio come metafora della psicoterapia

Il viaggio come metafora della psicoterapia

Dal libro – Viaggio in Portogallo – “….il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, […]

La disortografia evolutiva

La disortografia evolutiva

Dal sito: www.stateofmind.it La disortografia evolutiva è un disturbo specifico dell’apprendimento caratterizzato da un’evidente lentezza esecutiva nella realizzazione dei grafemi. Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2016/04/disortografia-evolutiva-trattamento/

La PERCEZIONE SOCIALE

La comunicazione non verbale fa riferimento al modo in cui le persone comunicano, la cultura e gli scheme di riferimento (theories implicit della personalità) influenzano […]

Ritrovare la propria autenticità

Ritrovare la propria autenticità

Il tentativo sano di ritrovare sè stessi.  

Il codice deontologico degli psicologi

Nel 1998 viene approvato il codice deontologico degli psicologi italiani dal consiglio nazionale dell’ordine, le cui finalità sono la tutela del cliente, la tutela del professionista nei confronti dei colleghi, la tutela del gruppo professionale e la responsabilità nei confronti della società.
Queste finalità sono raggiungibili attraverso quattro linee guida che ne ispirano il lavoro:
meritare la fiducia del cliente, possedere una competenza adeguata a rispondere alla domanda del cliente, usare con giustizia il proprio potere (sapere e competenze), difendere l’autonomia professionale.
I suoi principi generali si fondano su alcuni punti che si sviluppano lungo gli articoli che ne compongono il codice.
Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’individuo, del gruppo e della cominità.
In ogni ambito professionale opera per migliorare la capacità delle persone di comprendere se stessi e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace. Lo psicologo è consapevole della responsabilità sociale derivante dal fatto che, nell’esercizio professionale, può intervenire significativamente nella vita degli altri; pertanto deve prestare particolarmente attenzione ai fattori personali, sociali, organizzativi, finanziari, e politici, al fine di evitare l’uso non appropriato della sua influenza, e non utilizza indebitamente la fiducia e le eventuali situazioni di dipendenza dei committenti e degli utenti destinatari della sua prestazione professionale.
Lo psicologo è responsabile dei propri atti professionali e delle loro prevedibili dirette conseguenze.
Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro che si avvalgono delle sue prestazioni; ne rispetta opinioni e credenze, astenendosi dall’imporre il suo sistema di valori; non opera discriminazioni in base a religione, etnia, nazionalità, estrazione sociale, stato socio-economico, sesso di appartenenza, orientamento sessuale, disabilità.
Lo psicologo è strettamente tenuto al segreto professionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni apprese in ragione del suo rapporto professionale, né informa circa le prestazioni professionali effettuate o programmate, a meno che non ricorrano le ipotesi previste dagli articoli seguenti.

Vuoi una consulenza?

Contattami al: 328 9224780

Oppure tramite il seguente modulo